Ritorno al futuro - La DeLorean, L' Hoverboard e tutto il resto - Black Mària
martedì, febbraio 13, 2018
Black Mària

Ritorno al futuro – La DeLorean, L’ Hoverboard e tutto il resto

La saga di Ritorno al futuro è forse una delle più nerd in assoluto della storia del cinema e le avventure di Marty e Doc mi hanno regalato alcuni degli oggetti che desidero di più al mondo (dopo le spade laser naturalmente!).

Quindi iniziamo subito una carrellata che è quasi una lettera a Babbo Natale con tutto ciò che desidererei dei “gadget” di Ritorno al futuro.

“Dovendo trasformare un’automobile in una macchina del tempo perché non usare una bella automobile?”

Naturalmente al primo posto della lista c’è lei la mitica DeLorean.

La macchina nel tempo costruita da Doc Brown sulla base di una DeLorean DMC-12 che con una potenza di 1,21 gigawatt riesce a lanciare la bellissima automobile attraverso il tempo.

Il conducente deve solo impostare i circuiti del tempo, uno rosso, uno verde e uno giallo che indicano rispettivamente la data e l’ora attuali, quelle di destinazione e la data e l’ora da cui si è partiti l’ultima volta. Una volta che si è impostati la data e l’ora non  resta che accendere il motore e accelerare fino a 88mph, a quella velocità che per noi corrisponde a circa 140 km/h, il flusso catalizzatore si attiva e la DeLorean sparisce in un lampo di luce blu.

La DeLorean DMC-12 è l’unico modello di auto costruito dalla DeLorean Motor Company, dal 1981 al 1983, di cui sono ancora in circolazione circa 7.000 esemplari. Con il suo telaio in acciaio non verniciato, le portiere ad ala di gabbiano e tutti i circuiti e le diavolerie fantascientifiche aggiunte da Doc, la Delorean di Ritorno al futuro è una delle figate su ruote più entusiasmanti che il grande schermo ci abbia mai regalato.


Secondo oggetto della lista è il mitico hoverboard della Mattel, il miglior mezzo per muoversi agilmente in città fluttuando nel traffico.

Durante un’intervista, Robert Zemeckis, regista della trilogia, affermava in una battuta che gli hoverboard esistessero veramente, e che la loro commercializzazione fosse stata bloccata in quanto ritenuti dall’azienda costruttrice, la Mattel appunto, troppo pericolosi. A causa di questo, i centralini della Mattel furono assaliti da centinaia di chiamate, ma la leggenda sull’esistenza dell’hoverboard è stata definitivamente smentita.

Recentemente, cioè ormai un anno fa, erano apparsi in rete video che sembravano far sperare che almeno questo gadget sarebbe potuto essere in tempi brevi sotto i nostri piedi, purtroppo era l’ennesimo fake e quindi non ci resta che continuare a sperare.

Ultimo posto, ma non per importanza viene da me assegnato alle Nike (leggetelo Naiki por favor) Air Mag le scarpe autoallaccianti che Marty McFly indossa nel secondo capitolo della saga, un’invenzione veramente a prova di pigro che al contrario delle prime due pare poter essere realizzabile, infatti circa a marzo di quest’anno la Nike ha annunciato una linea di scarpe che attraverso una serie di micro carrucole azionate da una piccola batteria fanno scorrere i lacci, inseriti all’interno del rivestimento della scarpa facendola aderire perfettamente al piede. Le scarpe si chiamano Nike HyperAdapt 1.0, il design non è quello delle Air Mag, ma ci possiamo accontentare.

 

Continuando a sperare che queste invenzioni diventino al più presto realtà io continuerò a chiedere per ogni festività questi fantastici gadget, prima o poi sarò accontentato, ne sono sicuro!

Facebooktwitter

About The Author

Non sono mai stato sicuro che la morale della storia di Icaro dovesse essere: "Non tentare di volare troppo in alto", come viene intesa in genere, e mi sono chiesto se non si potesse interpretarla invece in un modo diverso: "Dimentica la cera e le piume, e costruisci ali più solide" Stanley Kubrick. Movie junkie, mi piace vedere il mondo dietro le lenti dei mie wayfarer da sole.