Stranger Things - Una serie tv fatta con amore - Black Mària
lunedì, agosto 21, 2017
Black Mària

Stranger Things – Una serie tv fatta con amore

Cara Personcina che non ha ancora visto Stranger Things,

Sono passati diversi mesi da quando Netflix ha rilasciato questa meravigliosa serie TV che, come ho già avuto modo di dire in questo articolo, ha aggiunto un tocco di gioia alla mia estate e mi ha shakerato ben bene riportando alla vita sensazioni che non provavo da tempo di fronte allo schermo del mio computer dal quale osservo il mondo dietro i miei Wayfarer.

st-1In questi diversi mesi è stato già detto tanto, ho già detto anche io qualcosa, e non vorrei sembrare ridondante, Montanari come Paganini non ripete. Cosa dire allora di questa perla, direi innanzitutto che qualunque persona non l’abbia vista ancora deve immediatamente guardarla, subito, ora, senza aspettare nemmeno un ulteriore secondo. “Perché?”, mi chiederà questa sventurata Personcina. “Perché questa è la serie tv dell’anno!” la mia risposta. Punto. “Perché è la serie tv dell’anno Giovanni?” “Perché è nuova”, “Nuova nel senso che è uscita quest’anno?! Banana, certo!” “No, nuova perché è fresca, non è il remake di niente, non è il reboot di nulla, non sa di già visto e allo stesso tempo sa di già visto, ma quel ‘già visto’ bello, quel ‘già visto’ che salti dalla poltrona e dici <<C***o, questo è come ET!>>. O come Alien, Twin Peaks, I Goonies, ecc…Guardi Stranger Things e parte immediatamente il gioco delle citazioni, ne cogli una e subito parte la ricerca a tutte le altre e parte subito il re-watch perché tu, Personcina che seguendo il mio consiglio hai iniziato a vedere Stranger Things, le vorrai beccare tutte.”

E poi ci sono le musiche: quelle dei titoli di testa che ti fanno ‘sbroccare’, o tutte le canzoni anni ’80 disseminate negli 8 episodi, che ti gasano come una mina, un po’ come l’Awesome Mix di Starlord.

st-2E, finalmente, è una serie tv scritta veramente ‘come Dio comanda’, senza forzature, senza buchi, fatta con attenzione e amore, perché chi l’ha fatta ama quelle cose come noi, noi nerd, come te Personcina sbadata che ti eri persa questa perla estiva: ora in un autunno, ancora caldo e pieno di serie tv, devi rimediare in una notte, rinunciare a dormire e recuperare, perché ormai hai iniziato e devi capire come finisce, sulla tua poltrona, coperta sulle gambe e sacchetto di Gocciole in grembo.

Bene, credo di averti convinto, non ti disturberò più, le puntate ti convinceranno da sole senza bisogno delle mie vane parole, fammi solo sapere com’è andata, mi piacerebbe parlarne.

Buona visione e a presto.

Facebooktwitter

About The Author

Non sono mai stato sicuro che la morale della storia di Icaro dovesse essere: "Non tentare di volare troppo in alto", come viene intesa in genere, e mi sono chiesto se non si potesse interpretarla invece in un modo diverso: "Dimentica la cera e le piume, e costruisci ali più solide" Stanley Kubrick. Movie junkie, mi piace vedere il mondo dietro le lenti dei mie wayfarer da sole.